Skin ADV
Perugia Turismo

Necropoli dello Sperandio

via Sperandio

A nord della città

Ubicata fuori le mura nella zona settentrionale, la necropoli fu utilizzata dal VI al II sec. a.C.

E' testimonianza di una varia tipologia funeraria, costituita perlopiù da tombe a camera, oltre che a cassone e a fossa. Nella necropoli ha predominato il rito inumatorio, ma è attestato anche quello incineratorio, che ha restituito numerose urnette in travertino. E’ visitabile una delle tombe a camera ipogee, della fine IV-III sec. a.C., con lastrone di arenaria davanti all'ingresso, rinvenuta durante gli scavi nei primi anni del ‘900.

In età medievale, nell’area della necropoli, vi era un monastero di Benedettine, soppresso in età napoleonica, poi trasformato in abitazione privata. Al di sotto della porta di ingresso si legge ancora  la scritta in latino “Spera in Deo 1696”, da cui il toponimo odierno.

Dalla necropoli provengono anche cippi funerari e materiali ceramici, in bronzo e in ferro, conservati presso il Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria, il Museo Archeologico di Firenze e il British Museum di Londra. In quello di Perugia è visibile un pregevole sarcofago in pietra databile al VI sec. a.C., decorato con scene a bassorilievo. Mentre, è conservato al Museo Archeologico di Firenze un sarcofago di arenaria che conteneva un ricco corredo funerario femminile, tra cui un prezioso diadema e orecchini. 

Orario di apertura: visita su prenotazione

Info e prenotazioni: rivolgersi all’ufficio IAT tel. 075 5772686
emailiat@comune.perugia.it

bk-news
Perugia Capitale
  • La Galleria Fiaf Perugia indice un contest fotografico gratuito sul concept: “Selve oscure-Le rime della Divina Commedia in fotografia” aperto a tutti gli iscritti FIAF. Scadenza 14 settembre 2021


  • Strumento per rendere fruibile anche ai non vedenti una parte significativa del centro storico